Rock A Bye Baby. L’importanza del contatto

L’essere umano è l’unico mammifero a separare il neonato dalla madre. 
Nessun mammifero su questo pianeta, ad eccezione dei mammiferi umani, separa il neonato dalla madre alla nascita, nel periodo post-natale e durante il periodo cruciale e formativo delle cellule celebrali.
Nessun mammifero su questo pianeta, ad eccezione dei mammiferi umani, si rifiuta di allattare il suo neonato e durante i periodi cruciali e formativi della crescita del cervello e del suo sviluppo comportamentale .
Professionemamma

Il documentario di Time Life “Rock A Bye Baby” descrive l’influenza delle diverse pratiche nel trattamento dei bambini e dell’educazione dei figli sullo sviluppo emotivo, sia nell’uomo che nelle scimmie.

rockhuman     

All’inizio del documentario, si nota che il contatto del bambino con la madre rappresenta la prima interazione socio-emotiva che il bambino sperimenta e pone i fondamenti per i suoi comportamenti successivi. Apprendiamo che gli animali sociali isolati dalla loro madre e che non ricevono alcun affetto fisico nutrizionale sviluppano una grave depressione e possono morire per tale privazione. Inoltre, l’isolamento materno-infantile che porta alla deprivazione sensoriale può causare danni cerebrali allo sviluppo. Questi fatti dimostrano che l’amore materno ha una base neurobiologica essenziale per la vita.

Successivamente ci vengono presentati gli esperimenti di Harry Harlow con madri surrogate che hanno dimostrato che le scimmie crescono da sole in un ambiente senza madre e i pari preferiscono stare con un surrogato di madre coperto di panno senza una bottiglia di latte piuttosto che con una madre surrogata che fornisce una bottiglia di latte, anche se affamata.

Si aggrappano perfino alle loro bambole di legno coperte di stoffa quando sono spaventate e provano lo stesso stress emotivo che provano gli altri animali sociali quando sono isolati dalle loro madri surrogate. Questi esperimenti dimostrano che la necessità di un rapporto d’amore (percepito, in questo caso, dalla “pelliccia”) è più forte del semplice bisogno di cibo anche quando è affamato. Quindi, la fame d’amore è più forte della fame del cibo .

Gli esperimenti di Harlow fanno parte della maggior parte dei libri di testo di psicologia di oggi.

Il singolo maggior contributo alla comprensione della sindrome da separazione madre-bambino è stato fornito da Drs. William Mason e Gershon Berkson i quali hanno documentato l’importanza del movimento del corpo (simulazione vestibolare-cerebellare) nel legame madre-bambino.
Scimmie allevate singolarmente in gabbie con stazionari surrogati di madre fatte di panno sono stati confrontati con quelle allevate con surrogati di madre di stoffa con oscillazione .
Le piccole scimmie allevate dalla madre di panno stazionaria svilupparono tutte le anormalità che si sviluppano nelle scimmie allevate nell’isolamento: depressione, ritiro sociale, avversione al tatto, dondolio stereotipato e alluce cronico e pene, auto-mutilazione e violenza patologica come giovani e adulti.

Le piccole scimmie allevate con madre surrogata oscillante si sono sviluppate normalmente con solo piccoli comportamenti di ricerca dello stimolo, ad esempio succhiare il pollice. La depressione, l’astinenza sociale e l’evitamento del contatto erano assenti.

Ci sono buone ragioni per cui neonati e bambini cercano di essere portati sul corpo delle loro madri e dei loro padri e amano essere cullati nel sonno.

Gli esperimenti di James W. Prescott sono meno riconosciuti.
Mentre gli studi approfonditi di Drs. Mason e Berkson hanno interpretato l’importanza del movimento del corpo infantile in un contesto sociale, il neuropsicologo dello sviluppo, il dott. Prescott, ha esaminato i meccanismi neurobiologici coinvolti. 1 .

Il dott. Prescott ha quindi avviato una serie di studi sul comportamento del cervello con vari colleghi sugli effetti della perdita dell’amore materno sullo sviluppo strutturale e funzionale del cervello. Questi studi hanno documentato sia le anormalità strutturali delle cellule cerebrali che le anomalie funzionali. 2 .

Gli studi del dott. Selma Fraiberg sui bambini congenitamente ciechi hanno dimostrato che quando questi bambini ciechi ricevono un sufficiente contatto corporeo e la stimolazione del movimento dai genitori sviluppano normali comportamenti emotivi-sociali. Questi effetti sono drammaticamente ritratti in “Rock A Bye Baby”, così come gli studi della dottoressa Mary Neal che costruirono una culla oscillante per neonati prematuri. I bambini prematuri che hanno ricevuto questa stimolazione artificiale del movimento del corpo hanno mostrato una neuromaturazione accelerata, come riflesso nei movimenti della testa, strisciando, afferrando e altri riflessi. Questi bambini hanno guadagnato peso più velocemente, hanno avuto meno problemi di salute e sono stati dimessi prima dall’ospedale rispetto ai prematuri non mossi.

Nonostante gli evidenti effetti positivi delle “incubatrici  auto-mobili” sulla salute dei bambini prematuri, come mostrato dal Dr. Neal, tali incubatori non sono in uso negli ospedali americani. La necessità di movimento è per lo più trascurata nella moderna assistenza infantile e i neonati sono posti su materassi immobili.

1. In particolare, il dott. Prescott ha studiato l’importanza del sistema sensorio vestibolare-cerebellare nella comprensione delle strutture e dei processi cerebrali coinvolti nella sindrome della deprivazione sociale materno-infantile. Il Dott. Prescott ha ribattezzato questa sindrome come “Sindrome Somato-Sensoriale Depressione Affettiva (S-SAD)” per enfatizzare i processi sensoriali neuropsicologici che mediano i comportamenti patologici derivanti dalla perdita dell’amore materno; e sviluppò una complessa teoria della funzione cerebrale che coinvolgeva il cervelletto come un sistema di regolazione principale per spiegare la varietà dei comportamenti patologici emotivi e sociali trovati nelle scimmie private madri.

2. Il termine anomalie funzionali si riferisce alla disfunzione elettrica e biochimica.

RIFERIMENTI SELEZIONATI SULLA DEPRIVAZIONE AFFETTUALE NEUROPSICOLOGICA SOMATOSENSORIA E RELATIVA AL SUO RAPPORTO ALL’ABNORMAL BRAIN DEVELOPMENT, VIOLENCE AND SUBSTANCE ABUSE

Fonte: http://www.violence.de/tv/rockabye.html

Berman, AJ, Berman, D. & Prescott, JW (1974). L’effetto delle lesioni cerebellari sul comportamento emotivo nella scimmia rhesus. In: Il cervelletto, l’epilessia e il comportamento. (Cooper, IS, Riklon, MV & Snider, RS (Eds) Plenum, NY

Bryan, GK e Riesen, AH (1989). Esperienza motoria somatosensoriale deprivata nella neocorteccia di scimmia stumptailed: densità dendritica della colonna vertebrale e ramificazione dendritica delle cellule piramidali di strato IIIB. The Journal of Comparative Neurology 286: 208-217.

Cannon, WB A Law of Denervation (1939). Amer. J. Med. Sci. 193, 737-749

Cannon, WB e Rosenbleuth, A. (1949). La soprasensibilità delle strutture denervate. MacMillan, NY

Coleman, M. (1971). La serotonina piastrinica nelle scimmie e nei bambini disturbati. Clinical Proceed. dell’Ospedale dei bambini. 27 (7), 187-194.

Dokecki, PR (1973). Quando il ramo si rompe … cosa succederà al bambino. Recensione di: Rock-a-bye Baby. Time Life Films (Lothar Woff, Ex. Prod.) Psicologia contemporanea. 18:64.

Essman, WB (1971). Cambiamenti neurochimici associati all’isolamento e alla stimolazione ambientale. Psichiatria biologica, 3, 141.

Floeter, MK e Greenough, WT (1979). Plasticità cerebellare: modifica della struttura cellulare del purkinje mediante allevamento differenziato nelle scimmie. Scienza, 206, 227- 229.

Heath, RG (1972). Studi elettroencefalografici in isolamento hanno allevato scimmie con compromissione comportamentale. Malattie dei sistemi nervosi, 33, 157-163

Heath, RG (l975): deprivazione materna-sociale e sviluppo anormale del cervello: disturbi del comportamento emotivo e sociale. In Brain Function e Malnutrition: Metodi di valutazione neuropsicologici (Prescott, JW, Read, MS, & Coursin, DB, Eds). John Wiley New York.

Higley, JD, Suomi, SJ, Linnoila, M. (1990). Paralleli nell’aggressione e nella serotonina: considerazione dello sviluppo, dell’allevamento della storia e delle differenze sessuali. In: Violenza e suicidio: prospettive nella ricerca clinica e psicobiologica (Herman van Praag, Robert Plutchik e Alan Apter, Eds) NY: Brummer / Mazel.

Laudenslager, ML, Reits M., Harbeck, R. (1982). Risposta immunitaria soppressa nelle scimmie infantili associate alla separazione materna. Behav Neural Biol 36: 40-48.

Mason, WA (1968). Privazione sociale precoce nei primati non umani: implicazioni per il comportamento umano. In: Influenze ambientali. (DE Glass, ndr). La Rockefeller University Press e Russell Sage Foundation, New York.

Mason, WA e Berkson, G. (1975). Effetti della mobilità materna sullo sviluppo di dondoli e altri comportamenti nelle scimmie Rhesus: uno studio con le madri artificiali. Psicobiologia dello sviluppo, 8, 197-221

Melzack, R. e Burns, SK (1965). Effetti neurofisiologici della restrizione sensoriale precoce. Exp. Neurol., 13: 163-175.

Neal, M. (1967). Stimolazione vestibolare e comportamento evolutivo nel piccolo prematuro. Rapporto di ricerca infermieristica 3: 1-4.

NICHD, NIH. (1968). Prospettive sulla deprivazione umana: biologica, psicologica e sociologica. Istituto nazionale della salute infantile e dello sviluppo umano. NIH. Dipartimento della sanità, dell’istruzione e del benessere degli Stati Uniti. Bethesda, MD

Prescott, JW (1967). Commento invitato: funzionamento del sistema nervoso centrale in ambienti sensoriali alterati (Cohen, SI). In: Psychological Stress (MH Appley e R. Trumbull, Eds). Appleton-Century Crofts, New York.

Prescott, JW (1971). Privazione somatosensoriale precoce come processo ontogenetico nello sviluppo anormale del cervello e del comportamento. In: Medical Primatology 1970 (IE Goldsmith e J. Moor-Jankowski, Eds). S. Karger, Basilea, New York

Prescott, JW (1975) Body Pleasure and the Origins of Violence. Il futurista aprile. Ristampato: The Bulletin Of The Atomic Scientists (1975), novembre.

Prescott, JW (1976). Privazione somatosensoriale e relazione con il cieco. In: The Effects of Blindness and Other Impairments on Early Development pp.65-121 (ZS Jastrembke, Ed.). Fondazione americana per i non vedenti, New York.

Prescott, JW (1977). Aspetti filogenetici e ontogenetici dello sviluppo affettivo umano. In: Progress in Sexology. Atti del Congresso Internazionale di Sessuologia del 1976. (R. Gemme & CC Wheeler, Eds.) Plenum Press, New York.

Prescott, JW (l979): privazione dell’affetto fisico come processo primario nello sviluppo della violenza fisica. In. Child Abuse and Violence (Gil, DG, Ed). AMS Press New York pp. 66-137.

Prescott, JW (1979). Alienazione dell’affetto. Psicologia Oggi dicembre.

Prescott, JW (1980). Teoria della deprivazione affettiva somatosensoriale (SAD) dell’uso di droghe e alcol. In: Teorie sull’abuso di droghe: prospettive contemporanee selezionate. Dan J. Lettieri, Mollie Sayers e Helen Wallenstien Pearson, Eds.) Monografia NIDA Research 30, marzo 1980. National Institute on Drug Abuse, Department of Health and Human Services. Rockville, MD.

Prescott, JW (l990): legame affettivo per la prevenzione dei comportamenti violenti: determinanti neurobiologici, psicologici e religiosi / spirituali. In. Vol. Violento Vol. I: valutazione e intervento. (LJ Hertzberg, et al., Eds). PMA Publishing NY pp. 110-142.

Reis, DJ, Doba, N. e Nathan, MA (1973). Attacchi predatori, grooming e comportamenti comportamentali evocati dalla stimolazione elettrica dei nuclei cerebellari del gatto. Science 182: 845- 847.

Riesen, AH, Dickerson, GP e Struble, RG (1977). Restrizione somatosensoriale e sviluppo comportamentale nelle scimmie Stumptail. Annals New York Academy of Science, 290, 285-294

Reite, M. & Capitanio, JP (1985). Sulla natura della separazione sociale e dell’attaccamento sociale. In: The Psychobiology of Attachment (Reite, M. & Field, T., Eds) Academic Press, NY.

Rosenzweig, MR (1971). Effetti dell’ambiente sullo sviluppo del cervello e del comportamento. In E. Tobach, LR Aronson & E. Shaw (Eds). La biopsicologia dello sviluppo (pp. 303-342) New York Academic Press.

Salk, L., Lipsitt, LP, Sturner, WQ, Reilly, BM & Levat, RH (1985). Relazione delle condizioni materne e perinatali con l’eventuale suicidio adolescenziale. The Lancet 15 marzo.

Saltzberg, B. Lustick, LS and Heath, RG (1971). Rilevazione della profondità focale Spiking nel cuoio capelluto EEG delle scimmie. Elettroencefalogramma e neurofisiologia clinica. , 31, 327-333

Sharpless, SK Isolati e neuroni non controllati: Disused supersensitivity (1969). In: Meccanismi di base delle epilessie (Jasper, Ward & Pope (Eds). Little Brown & Co., NY 329-355.

Sharpless, SK Disused supersensitivity (1975). In: The Developmental Neuropsychology of Sensory Deprivation (Riesen, AH, Ed). Academic Press, NY

Snider, Rs and Maiti, A. (1976). Contributi di Cerebellar al circuito di Papez. J. of Neuroscience Research. 2, 133-146

Struble, RG e Riesen, AH (1978) Cambiamenti nella branca dendritica corticale conseguente all’isolamento sociale parziale nelle scimmie stumptail. Developmental Psychobiology, 11 (5): 479-486

Tassinari, CA (1968). Soppressione di picchi di stimoli somatosensoriali. Electroenceph. e Clin. Neurophysiol. 25, 574-578.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.