Babywearing e displasia dell’anca

Dopo la nascita ci vogliono diversi mesi affinché le articolazioni si allunghino in modo naturale. Alle volte occorre un aiuto di uno specialista in quanto, può verificarsi una displasia dell’anca.
Si chiama “displasia evolutiva dell’anca” ed è una deformità dell’articolazione presente già nella vita intrauterina e che si evolve dopo la nascita.
La displasia dell’anca è molto rara nei paesi in via di sviluppo, ma molto frequente in quelli occidentali interessando sopratutto il sesso femminile.

Più nel dettaglio possiamo affermare che l’articolazione gamba-bacino è composta da due lementi: la testa del femore di forma sferica e l’acetabolo, una cavità destinata a contenere la “sfera” facendola ruotare al suo interno.
Nel 2-3% dei casi, testa del femore ed acetabolo non collimano e sono necessari piccoli accorgimenti al fine di agevolare un corretto sviluppo dell’acetabolo armonizzandosi con la testa del femore.

                         

                            Corretto                                               Sbagliato

harness-06harness-5-v2

 

                Corretto                                               Sbagliato

harness_onmom-199x300 all_carriers

Quali sono le cause?

  • Lassità capsulo-legamentosa determinata per lo più da un fattore genetico
  • Presentazione podalica del feto
  • Scorretta posizione del neonato ovvero con le cosce unite e completamente distese (un tempo era usanza fasciare stretti i neonati).

L’utilizzo dei pannolini e di un corretto supporto portabebé  riduce drasticamente l’incidenza della displasia dell’anca.
Nelle popolazioni in cui il genitore è solito portare il bambino, l’incidenza delle displasia dell’anca è minore o praticamente assente.

E’ interessante vedere nel seguente video le diversità tra le culture.

Guarda il video

L’uso di un corretto supporto portabebè (sconsigliata la posizione a culla), di un valido seggiolino auto, di un passeggino adeguato, possono essere quindi un valido strumento di supporto alla prevenzione della displasia dell’anca.

Per ciò che riguarda il babywearing, è possibile affermare che ci sono numerosi benefici per il naturale sviluppo dell’anca.
La “famosa” posizione “squat” o ad “M” per la quale le ginocchia sono sempre più alte del sederino del bambino o alla stessa altezza, può agevolare il corretto sviluppo della displasia dell’anca insieme alla cura dell’ortopedico.
Un recente studio scientifico effettuato in Malawi, ha fornito ulteriori informazioni sul fatto che l’utilizzo di un adeguato supporto portabebè può diminuire il rischio della displasia dell’nca.

L’Istituto Internazionale della displasia dell’anca sostiene che il babywearing, attraverso adeguati supporti portabebè che consentono la corretta posizione ad M siano un metodo per favorire un sano sviluppo dell’anca.

Il seguente video mostra in maniera esplicativa quanto scritto in questo articolo.

Ricordiamo, da quanto si vede in questo video, che Babywearing Italia® non promuove l’utilizzo di supporti portabebè in posizione fronte mondo.

 

Fonte:

www.ancaeginocchio.it
www.ospedalebambinogesu.it
www.hipdysplasia.org
www.hipdysplasia.org

 

Questo articolo  non vuole assolutamente sostituirsi al parere medico. Vi suggeriamo di consultare SEMPRE il vostro medico di riferimento per una adeguata diagnosi e cura
Autore

Ilaria Cinefra, fondatrice e responsabile Centro Studi Babywearing Italia®
www.professionemamma.it
Email: ilariacinefra@babywearingitalia.it
Mobile: 3384152291

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *